IsIAO – Rencontre du président de l’ASAI avec le liquidateur de l’IsIAO

Chers amis,

je relaie ici le message du président de l’ASAI suite à sa rencontre avec le liquidateur de l’IsIAO.

Cordialement,

HF

PS Vous retrouvez sur cette page l’ensemble des appels de l’ASAI concernant la liquidation de l’IsIAO.

MISE A JOUR du 10 septembre : Vous trouverez ici la lettre adressée par le président de l’ASAI au ministre des Affaires étrangères et au ministre des Biens et Affaires culturels et du Tourisme, support à une campagne de courriels à adresser à gabinetto@esteri.it et gabinetto@beniculturali.it. Voir ici.

 

Cari amici,

i membri del nostro direttivo, a cui ho inviato una breve relazione sul mio incontro con il commissario liquidatore dell’Isiao, amb. Armellini, ritengono che sia utile diffonderla a tutti i soci dell’ASAI. In tal modo tutti noi disporremo di informazioni comuni sulla questione, a cui forse nei miei precedenti messaggi ho accennato ellitticamente.

Ho incontrato il commissario liquidatore dell’Isiao qualche giorno fa, presso la sede dell’Isiao a Roma. Avevo chiesto un colloquio urgente, come presidente dell’ASAI, dopo aver saputo dell’ “Avviso per la manifestazione di interesse ai fini della partecipazione alla procedura ristretta per l’affidamento in concessione dei servizi di valorizzazione dei beni culturali dell’IsIAO” – di cui siete informati –, per avere alcuni chiarimenti sulla procedura, ma soprattutto sul suo significato nel quadro della situazione attuale dell’Istituto. L’ambasciatore ha dimostrato grande disponibilità nell’aderire alla mia richiesta, dato il periodo ed i suoi impegni.

In circa un’ora di colloquio sono emersi o riemersi alcuni elementi fondamentali della vicenda, che desidero condividere con tutti voi ribadendo alcuni fatti che già conosciamo ed introducendone altri che possono aiutarci a capire cosa può accadere in futuro e cosa possiamo fare per intervenire.

Il mandato ricevuto dal commissario è quello di liquidare l’Istituto, cioè realizzare quanto più denaro possibile dalla vendita o dall’uso dei suoi beni, pagare i creditori e chiudere definitivamente la procedura di fallimento, che fu decretato più di tre anni fa, come sappiamo.

La liquidazione è piuttosto complessa, ed è stato impiegato diverso tempo per ricostruire il quadro generale delle disponibilità sulla base dei documenti.

Sono stati venduti i mobili e le altre attrezzature che hanno fruttato una cifra irrisoria se paragonata al debito: mi ha ricordato che il debito cristallizzato ammonta a circa 5 milioni di euro, suddivisi tra circa 500 creditori; il principale è Unicredit, con circa 2 milioni.

Come disponibilità dell’Istituto rimangono oggi:

  • le collezioni di arte orientale;
  • le collezioni africanistiche che risultano suddivise in cinque diverse situazioni;
  • la biblioteca e gli archivi.

Una parte di questi beni sono indisponibili [io credo/spero tutti, ma la situazione giuridica sembra in parte oscura], e il vincolo sulla biblioteca da parte degli organi competenti è recente.

Una volta terminata la liquidazione tutto ciò che rimarrà dei beni dell’Istituto passerà al Ministero degli Affari esteri, che dovrà occuparsi della gestione e del futuro di questi beni di concerto con gli organismi di tutela.

In questa fase conclusiva, nel tentativo di massimizzare l’attivo, è stato pubblicato l’avviso di cui sopra, il cui obiettivo è quello di incassare quanto più denaro è possibile per il successivo pagamento ai creditori nella misura della disponibilità.

Ad una mia richiesta di precisazione sul rilancio di cui si dice nell’avviso (“idoneo progetto di valorizzazione anche ai fini del rilancio dell’attività scientifica dell’Istituto”) non è stato possibile avere una risposta: dal momento che l’Isiao non esisterà definitivamente più dopo la liquidazione, questo rilancio non può riguardare l’Isiao. Secondo il liquidatore si deve interpretare quel passaggio come il rilancio dell’uso dei beni che rimarranno dopo la liquidazione, la loro valorizzazione ecc., che dovrà essere curata dal Mae.

[Ricordo che il Mae ha fatto balenare in altre occasioni, mentre procedeva la liquidazione, l’ipotesi di un ‘rilancio’, senza però darle una sostanza: Giampiero Massolo (allora segretario generale del Mae) in una lettera al Corriere della Sera (Come salvare l’Isiao secondo la Farnesina, 9.12.2011, in linea) affermò: “Noi vogliamo che l’Isiao rinasca più forte e sostenibile di prima […]. Liquidare vuol dire, oggi, ripartire [sulla base della sostenibilità economica]”. Chiudo l’inciso].

Ammesso che i beni siano invendibili, possono tuttavia dare un frutto: la concessione dell’uso di questi beni ha un valore economico. Chi ha interesse ad ottenere la concessione dei beni (che rimangono proprietà dell’Isiao [questo per me è un mistero logico: se l’Isiao non c’è più, come può avere ancora beni? Forse si intende: di proprietà del Mae/tornati al Mae/affidati al Mae/sotto la tutela di chi di diritto dopo la liquidazione?]) dovrà sostenere una spesa (la concessione a titolo oneroso), con il pagamento anticipato di una somma che sarà destinata a risarcire il debito pregresso (o una sua parte).

Due ipotesi: che all’avviso non seguano dichiarazioni di interesse (entro l’11 settembre), o il caso contrario. Se ci saranno dichiarazioni di interesse il liquidatore ha ancora un ruolo: altrimenti procederà alla ‘chiusura della partita (chi ha dato ha dato, ecc.)’ e, per il futuro, dei beni di cui sopra si occuperanno Mae e chi altro di diritto.

Questo in sintesi.

Sto lavorando alla stesura dell’appello della nostra associazione al ministero degli Affari esteri e continuo a pensare che dobbiamo insistere sulla possibilità di un ‘rilancio’, che nei suoi termini minimi consiste nella riapertura della biblioteca e degli archivi, e nei termini massimi può realizzarsi solamente attraverso un dibattito ed una futura iniziativa concertata dal Mae sulla base di una volontà politica di tutela di una parte del patrimonio scientifico e culturale della nazione.

Un saluto a tutti i voi

IL PRESIDENTE

 

 


Vous aimerez aussi...

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *